Techophilaea Cyanocrocus Leyb.

 Il più BEL blu DELLA NATURA  

Famiglia:  Tecophilaeaceae

Provenienza: orticola, perché praticamente estinta nella zona d'origine in Cile 

 

Questa sconosciuta  bulbosa è normalmente chiamata ‘Chilean Blue Crocus’ o ‘Azilillo’, per il colore blu intenso, una tonalità rarissima e forse unica.

In natura è ormai estinta, distrutta dai troppi e voraci  animali dei  pascoli intensivi, dai collezionisti,  dai raccoglitori e dai  ristagni d’acqua nelle pianure in cui cresceva.

Sopravvive solo in coltivazione, non è facile da trovare presso i vivaisti ed è piuttosto costosa.

La Tecophilaea  non è una pianta difficile da crescere, non richiede una serra o accorgimenti particolari, poiché la sua rusticità è ottima e sopporta bene gli inverni della pianura padana.

Fiorisce alla fine dell’inverno, quando le giornate accennano a diventare più tiepide.  Si può mescolare  ai Crocus per arricchire il prato del suo spettacolare colore e per creare gradevoli contrasti cromatici: giallo con blu, blu con rosa o con bianco, ecc..

Si presta anche alla coltivazione in vaso, in piccoli gruppi, associando tra di loro le diverse varietà che hanno sfumature di colore

diverse.

                           Tecophilaea cyanocrocus  foto M.V.

Caratteristiche botaniche

La Tecophilaea cyanocrocus è stata descritta in dettaglio da Friedrich Leybold nel 1862. È di difficile attribuzione sistematica. Secondo i vari autori è stata ascritta di volta in volta alle Amaryllidacee, alle Haemodoracee o alle Tecophilaeaceae. È questa sicuramente la attribuzione più corretta e ormai accettata. La famiglia comprende anche i generi Conanthera e Zephyra.

Vi sono tre varietà di Tecophilaea: la specie tipica - T. cyanocrocus,  la T. cyanocrocus var. leichtlinii (vedi foto), la T. cyanocrocus var. violacea.

La prima ha una colorazione intensa ed uniforme di blu elettrico, cobalto puro. La seconda, altrettanto blu, sfuma gradevolmente al bianco verso il centro del fiore. La terza è di colore decisamente blu-viola.

È una piccola bulbosa, dotata di cormi,  con foglie lineari, acuminate e canicolate di circa 10-15 cm di lunghezza.  Il fiore è lungo circa 3-4 cm  ed è composto da sei tepali provenienti da un calice allungato. Ogni esemplare può portare fino a tre scapi fiorali. Il frutto è una capsula contenente semi neri.

  Tecophilaea cyanocrocus var. violacea  foto M.V.

La coltivazione

Ama un terriccio da giardino, fertile, leggermente acido, ben drenato. Gradisce la presenza di sabbia grossolana e sassolini. La collocazione ideale è in posizione soleggiata e riparata.

D’estate va a riposo e in questa stagione si devono sospendere le annaffiature. La fioritura è più abbondante se stimolata da trattamenti con fertilizzanti contenenti fosforo, potassio e magnesio da effettuarsi a partire dall’autunno avanzato. Nelle zone di origine utilizzano con risultati eccezionali sterco di Lama.

La riproduzione da seme è facile e rapida. È possibile, ma lenta,  anche attraverso i bulbilli che si formano attorno alla base. In tutti i casi occorrono tre o quattro anni per ottenere la fioritura.

Si presta a comporre vasi di straordinaria bellezza quando avviene la fioritura, ma anche in piena terra, se messa a gruppi e con un buon numero di esemplari crea chiazze di blu così intenso da  non sembrare vero.

 

 La scheda è stata preparata per il sito dal Dott. Maurizio Vecchia, esperto di piante inconsuete e rare ed in particolare di passiflore ( mauve@passiflora.it , www.passiflora.it).

 Il testo è stato già pubblicato in precedenza dalla  rivista "Giardini" n° 195, Febbraio 2004.          Anche le fotografie sono dell'autore.

Aggiunta: In Cile vive ancora un'altra specie, Tecophilaea violiflora, presente in forme - con fiori viola e con fiori bianchi, con vari numeri di fiori in infiorescenze (vedi).

  vedi altre immagini             

  vedi anche                           

                                                                                                                                                                  vedi in CAT-IV                   

Il nome della pianta,  Tecophilaea  Bertero (ex Brotero) ex Colla,

ricorda Tecophila Billotti, la figlia dell'uomo politico, avvocato e  botanico italiano Luigi Colla (1766-1848), il quale pubblicò importanti lavori sulle piante raccolte in Cile dal medico e botanico piemontese Carlo Giuseppe Bertero (1789-1831).

Tecophila Colla-Billotti fu una pittrice botanica che ritrasse fiori e piante presenti nel famoso giardino di suo padre. I suoi lavori furono pubblicati come litografie illustrative di numerosi volumi, tra cui Plantes Plus Rares Fleuries dans le Jardin de Monsieur l'Avocat Colla Peintes d'Aprés Nature (1819) e Hortus Ripulensis del 1824. Il nome Tecophilaea fu dato al genere da Félix de Avelar Brotero (1744-1828), professore di botanica ed agraria all'Univeristà di Coimbra, Portogallo, per onorare Luigi Colla tramite il nome della sua adorata figlia.

 

BACK al contenuto                                                                                       I CATALOGHI DELLA FLORIANA BULBOSE